Emilia Romagna: riaperto il bando per le diagnosi energetiche

La Regione Emilia Romagna coprirà il 100% delle spese per la realizzazione di diagnosi energetiche e sistemi di gestione dell'energia conformi ISO 50001 nelle Piccole e medie imprese.

Dalle ore 9.00 del 11 ottobre 2017 alle ore 17.00 del 3 novembre 2017 sarà possibile presentare la domanda per l'accesso all'agevolazione. L'ottenimento di questo beneficio vi permetterà di ottenere una copertura del 100% delle spese ammissibili.

Di seguito una descrizione più approfondita del bando, con le modifiche sancite nella Delibera Num. 1476 del 10/10/17 della Regione Emilia Romagna.

 

 

 

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono accedere al bando le piccole e medie imprese (PMI) in possesso dei seguenti requisiti, al momento di presentazione della domanda:

  • non essere soggetti obbligati alla realizzazione di diagnosi energetiche secondo quanto stabilito dal D.Lgs. 102/2014; 
  • avere il sito produttivo in Emilia Romagna; 
  • essere regolarmente costituite da almeno due anni ed iscritte nel Registro delle imprese; se si tratta di imprese di servizi, essere costituite sotto forma di società.

DISPONIBILITÀ ECONOMICA

Il contributo è finalizzato a coprire il 100% delle spese ammissibili per la realizzazione di una diagnosi energetica o per l’adozione di un sistema di gestione dell’energia

SCADENZA

La Regione Emilia Romagna ha prorogato i termini per la presentazione della domanda. Queste devono essere presentate rigorosamente online, attraverso l’applicativo web “Pride” (Programma regionale diagnosi energetiche), a partire dalle ore 9.00 del 11 ottobre 2017 fino alle ore 17.00 del 3 novembre 2017.

I contributi verranno assegnati fino ad esaurimento delle risorse e secondo l'ordine cronologico dell'invio della richiesta.

INTERVENTI AMMISSIBILI

  1. Realizzazione di diagnosi energetiche in osservanza del D.Lgs. 102/2014;
  2. Adozione di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001, comprensivi di diagnosi energetiche eseguite in osservanza del D.Lgs. 102/2014.

SPESE AMMISSIBILI

Sono considerate ammissibili ed agevolabili:

  • le spese sostenute a partire dal 1 gennaio 2017;
  • i servizi eseguiti da un ESCo, un Esperto in Gestione dell’Energia (EGE), un Auditor Energetico, certificati da organismi accreditati;
  • il rilascio delle certificazioni di conformità alle norme ISO 50001.

MODALITÀ DI CONTRIBUZIONE

L’ammontare del contributo per ciascuna domanda è pari al:

  • 100% delle spese ammissibili, fino ad un contributo massimo di 10.000,00 euro per la realizzazione della diagnosi energetica 
  • 100% delle spese ammissibili, fino ad un contributo massimo di 20.000,00 euro, per l’adozione del Sistema di Gestione Energia conforme alle norme ISO 50001.

OBBLIGHI DEL BENEFICIARIO

I beneficiari di entrambi i contributi devono completare la diagnosi energetica entro il 31 dicembre 2017 e presentare la documentazione richiesta per l’erogazione del contributo entro 30 giorni dall’ultimazione dei lavori.

Chi ha presentato domanda di contributo per l’adozione di un sistema di gestione dell’energia conforme ISO 50001 deve, in aggiunta, adottare tale sistema entro il 31 dicembre 2017 ed ottenere il rilascio della certificazione di conformità del sistema di gestione dell’energia alle norme ISO 50001 entro il 30 giugno 2019.

Chi ha presentato, invece, domanda di contributo per la realizzazione di una diagnosi energetica dovrà, anche, ultimare almeno un intervento di efficientamento energetico entro il 30 giugno 2019.

VINCOLI

Il contributo può essere richiesto al massimo per due siti produttivi dell’impresa e per ognuno deve essere presentata una diversa domanda per l’ottenimento dell’agevolazione.

Il contributo può essere richiesto o per la realizzazione della diagnosi energetica oppure per l'adozione di un sistema di gestione dell’energia conforme ISO 50001.

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza d'uso. Se acconsenti al trattamento dei dati clicca accetta, altrimenti rifiuta.
Privacy & Cookies Ok Rifiuto