Sospesi i contratti ai clienti per l’energia elettrica di Innowatio (e non solo)

 

Nelle ultime settimane si è molto parlato della “sofferenza” di diversi trader, tra cui Innowatio. A causa dell’effetto combinato del rincaro dei prezzi all’ingrosso dell’energia elettrica, della mancata protezione dalla fluttuazioni dei prezzi, del problema delle garanzie e del disallineamento del tempo di pagamento.

Siamo spiacenti di comunicarLe che, a partire dal prossimo mese di novembre, la nostra società non sarà più in grado di garantire la fornitura di energia elettrica e quindi la prestazione dei servizi connessi»

Questo è l’inizio della comunicazione inviata da Youtrade, società del gruppo Innowatio che si occupa della compravendita dell’energia elettrica.

 

I clienti vengono così svincolati dal loro precedente contratto ed invitati ad individuare un nuovo fornitore. La causa? Innowatio si è trovata a vendere sottocosto l’energia ai suoi clienti industriali, per poi sospendere i contratti, subendo anche, in alcuni casi, la revoca del contratto di trasporto dai distributori.

Da qui l’annuncio della società sulla sua intenzione di uscire dall’attività di trading, che costituisce una fetta importante dei suoi affari.

Una situazione particolarmente delicata in un settore, come quello del trading, che spinge spesso a correre rischi eccessivi, rendendo fragili i contratti di fronte alle variazioni del mercato.

Situazione analoga sembra stia colpendo anche altri trader quali Gala e MetaEnergia le quali stanno avvisando i clienti di dover risolvere il contratto di fornitura.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza d'uso. Se acconsenti al trattamento dei dati clicca accetta, altrimenti rifiuta.
Privacy & Cookies Ok Rifiuto